RSS

Archivi tag: Me

Cercando il bandolo


Non so quando ho smesso. Credo nel 2009, ma magari anche un anno prima, dopo quel fatto. Eh che prima ero ancora dall’altra parte. Son cambiata tutto d’un tratto, ho smesso di comportarmi nel modo spontaneo, ok forse un pò irrispettoso, ma più ragionevole di ora. 

Sapete quando da piccoli ci dicevano: “Sono cose da grandi?”. Stasera mi son resa conto che ora son passata dalla parte dei grandi. Non perchè ho un lavoro, quello no. In quello ci metto abbastanza passione ed è fonte di creatività e soddisfazione. Non perchè vivo da sola, credo di non essere mai stata così sbadata e immatura nel gestire i miei spazi. 

Son passata dall’altra parte nel modo in cui reagisco a certe cose. Una volta mi lanciavo e andavo dritta, testarda come un mulo, chi se ne importava dell’orgoglio, l’importante era dar ascolto ai sentimenti e alle emozioni.

Ora no. Cioè non più. Ho perso il filo. Lo ritroverò(forse?)

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 6 dicembre 2012 in Uncategorized

 

Tag:

A pari merito tra Giotto e Pitagora


Sono abbastanza indecisa se paragonare la mia vita sentimentale ad un cerchio o ad un triangolo equilatero. Mi sento come la coordinata del centro, sono equidistante da tutti i punti, da tutti i lati e dalla circonferenza. Sono quel punto fatto con la matita all’incrocio dei tre assi, l’incisione lasciata dalla punta di ferro del compasso. Un pò smussata e un pò pungente, oscillo tra slanci di dolcezza e picchi di cinismo, trovando un equilibrio perfetto nell’apatia. Non mi interessa più nessuno.

Forse è l’inizio di un periodo di pace, forse è il momento di concentrarsi su altro. Quel che è certo, è che una persona che non dà amore, non ha molto senso. Ma, come dice Vasco: “Domani arriverà, domani arriverò lo stesso”.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 5 dicembre 2012 in Uncategorized

 

Tag: , , , , ,

Ispirazione e poesia


“… e io mi fermo a pensare a tutti quelli che partono, scappano o sono sospesi per giorni, mesi, anni in cui ti senti come uno che si è perso tra obbiettivi ogni volta più grandi… (Imparare dal vento – Tiromancino)”

E a volte mi sento un pesce fuor d’acqua, mezza pazza e mezza banale,
una persona dolce ma superficiale, non mi so regolare,
di torto e ragione ignara, all’eterna ricerca di un metro di misura
che mi faccia sentire pura,
volontà di essere accettata e di sentirmi unica,
misantropa e socievole,
tutto e niente.

Voglio te che non ci sei,
voglio te che non vorrei,
voglio te che con gli occhi mi fissi,
fino a raggiungere gli abissi, in fondo, stop.

Lo sguardo distolgo,
perchè non è tempo,
senti il vento che dice che non è momento,
il mio cuore è sempre attento
a sfuggire a quel tormento.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 22 ottobre 2012 in Uncategorized

 

Tag: , , , ,

Nessuna intersezione


Se dovessi descrivere la mia vita in questo periodo direi che è fatta di insiemi che non si intersecano. Tanti pezzi isolati che non si toccano, come un puzzle che ha la cornice e i colori divisi per area. Manca solo qualcosa che li metta insieme.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 16 ottobre 2012 in Uncategorized

 

Tag: , ,

Lussi che non ci si può permettere


Mi son spostata per un pelo. Ho sfiorato la tragedia, per la prima volta ho pensato a me e son fuggita. A gambe levate, perchè va bene la relatività, va bene che chi non risica non rosica e che bisogna buttarsi ma.. non sempre. Non quando continui a viaggiare svuotata perchè un amore terribilmente sbagliato ti ha prosciugato le scorte emotive di anni. E quindi niente, un’altra mezza cosa chiusa, stavolta almeno salviamo la dignità ma comunque perdiamo dei bei momenti che sarebbe stato bello vivere. Ci son delle cose che da qualunque prospettiva le guardi sono sbagliate, tranne quando le guardi col cuore, ma è un lusso che non mi posso proprio permettere.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 settembre 2012 in Uncategorized

 

Tag: , , , ,

Una volta mi hai detto


Una volta mi hai detto che quando scrivi ahahah in chat è perchè ridi davvero.
Una volta mi hai detto che volevi organizzare un’esportazione di speck dall’Italia.
Una volta mi hai detto che se ero triste, ti rendevo triste.
Una volta mi hai detto se avevo voglia di girare il mondo insieme a te.
Una volta mi hai detto che sono bella quando rido.
Una volta mi hai detto: perchè non sei qui con me?
Una volta mi hai detto di non correre così forte con la macchina in discesa.

Tante cose mi hai detto una volta, ma chissà poi perchè.
Qualche volta, certe cose non si dovrebbero dire.
Perchè non si sa mai cosa possono seminare le nostre parole nelle altre persone.
Forse trovano terreno arido e scivolano via. Ma forse trovano un terreno fresco, pronto ad accoglierle e non sappiamo mai quanto a fondo si possano radicare in una persona.
Così a fondo a volte, da essere ripensate, riutilizzate, strizzate fino a farne sgorgare una goccia, dai nostri occhi, quando pensavamo ormai che fossero asciutte.
In un’impensabile serata d’estate.

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 27 agosto 2012 in Uncategorized

 

Tag: , , , , , , , ,

Estate: l’immagine è a puro scopo dimostrativo


L’estate, stagione che mi fa lo stesso effetto del giorno (se non capite cosa sto dicendo, leggete il mio post “La notte e altre elucubrazioni“).
E’ sbruffona, arrogante sotto il suo sole bollente, forte del divertimento di cui è portatrice involontaria, gonfia della soddisfazione di rubare spudoratamente le ferie alle altre stagioni. Tsè, fosse così semplice! Non basta l’apparenza, come in tutte le cose, bisogna dimostrare di essere all’altezza delle aspettative. Ci sono anche i momenti in cui tutto sto caldo non ti lascia respirare. E non solo letteralmente. Vuoi perchè non sempre si passano i giorni ammollo nel mare, le sere a far festa e le notti a far casino. Vuoi perchè c’è sempre il fantasma del conto alla rovescia. Vuoi che dopo un pò l’ozio ti fa venire quella nota sensazione di senso di catastrofe imminente. Hai qualcosa che non mi convince, come gli sconti 3×2 al supermercato, come i benzinai “occhio al prezzo” e come i disegni sulle confezioni delle merendine “l’immagine è a puro scopo dimostrativo”. Come tutte le cose che hanno immeritatamente un’enorme potenzialità, riesci sempre a non colmarla.

Detto questo, poichè questa stagione ha anche una funzione di “facciamo quello che non ho voglia di fare durante l’anno”, ho un anno di recensioni di libri arretrati. A seguire, nei prossimi post!

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 24 agosto 2012 in Me, Riflessioni

 

Tag: , , , , , ,